Falso Viagra venduto come integratore alimentare, l'allarme del ministero della Salute
Venduti come integratori per aggirare i controlli di sicurezza e le norme degli enti regolatori, i preparati contenevano Il Sidenafil, lo stesso principio attivo del farmaco

ll Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, ha segnalato, attraverso il sistema di allerta europeo per alimenti e mangimi - RASFF, la presenza di Sildenafil, sostanza ad attività farmacologica non consentita negli integratori alimentari, nei due prodotti in elenco, venduti anche in internet. L'allerta è stata contestualmente pubblicata anche nella sezione "Avvisi di sicurezza" del sito del ministero della Salute.

Che cos'è e come funziona il RAASF
Il Raasf è il sisistema rapido di allerta comunitario, sotto forma di rete, a cui partecipano la Commissione Europea, l'EFSA e gli Stati membri dell'Unione e serve a notificare in tempo reale i rischi diretti o indiretti per la salute pubblica connessi al consumo di alimenti o mangimi.

Il nome degli integratori non autorizzati
Si tratta degli integratori FORZAPIU formula extra forte lotto 779296438 TMC 03/2022 confezione da 4 capsule e POTENZA MAX ginseng complex lotto 4589136 TMC 10/2022 confezione da 4 capsule.

I due integratori risultano prodotti in Regno Unito dalla ditta Unlimited OA OA LTD, international house: 24 Holborn Viaduct, Londra EC 1A 2BN, e venduti dal brocker spagnolo Green Box supplements, L. Carlos Cano 9961, 29010 Malaga.

Il fiorente business online dei falsi integratori
Nei giorni scorsi, il Nas di Parma, nell'ambito di una vasta operazione di polizia rivolta alla repressione del commercio di farmaci contraffatti in Italia, Spagna, Francia, Gran Bretagna, Olanda, Romania, Germania e Florida, svolta con il coordinamento di Europol, in cooperazione con la Policia Nacional spagnola e con la collaborazione del Reparto Operativo del Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, ha eseguito 5 perquisizioni nelle province di Piacenza, Rieti, Torino, Rovigo e Milano presso note società di logistica e commercio on-line, all'esito delle quali sono state rinvenute e sequestrate circa 10.000 capsule di falsi integratori alimentari (in realtà farmaci contraffatti), per un valore di 65 mila euro.

Nel corso delle indagini, dirette dalle Procure della Repubblica di Piacenza e Milano, sono stati effettuati accertamenti analitici sui falsi integratori a cura del laboratorio di analisi dall'Agenzia Provinciale per l'Ambiente di Bolzano, i quali hanno evidenziato la presenza, al loro interno, del principio farmacologicamente attivo denominato "Sildenafil" (sostanza contenuta nel farmaco commercializzato con il nome "Viagra").

Il modus operandi dell'associazione criminale, con sede operativa in Spagna e sede legale in Inghilterra, si basava sulla commercializzazione dei prodotti in questione - importati dalla Cina - sotto forma di integratori alimentari di origine naturale, benché contenenti principi farmacologici di sintesi. Tale procedura gli consentiva di aggirare le stringenti normative farmaceutiche vigenti in ogni Stato, nonché la vigilanza degli enti demandati alla verifica ed al rilascio dell'autorizzazione per l'immissione in commercio dei farmaci (AIFA, EMA, etc..).

Per garantirsi una commercializzazione costante anche a fronte di possibili sequestri l'associazione criminale confezionava e distribuiva i farmaci contraffatti mediante l'utilizzo di confezioni con denominazioni differenti in ogni Stato, modificando le stesse periodicamente anche all'interno dei medesimi mercati.

I siti internet attraverso i quali i falsi integratori venivano proposti per la vendita in Italia sono stati oscurati dal Reparto Operativo del Comando Carabinieri per la Tutela della Salute.

Alcuni dei principali indagati che operavano nel nostro Paese per l'importazione e la vendita degli integratori, sono stati anche colpiti da misure restrittive in Spagna, luogo in cui la società britannica aveva allocato il proprio "core business".





novita, vienici a trovare sul nostro forum!