Carabinieri comprano mille pasticche di Viagra in un sito porno 
Un appuntato di Albignasego ha fatto incetta con la carta di credito di un altro militare: ora sono indagati. L'acquirente alla fine ammette: "Si l'ho comprato anche per i colleghi: siamo tutti molto stressati"

ALBIGNASEGO. Certo dal medico di base non poteva farsi prescrivere una ricetta per comprare ben mille pasticche di Viagra, il noto farmaco prodotto dalla Pfizer contro la disfunzione erettile. Però quell'offerta in "rete" (compri mille pillole e ne paghi 950) era troppo allettante: così, pur violando la legge sui farmaci, l'internauta si è deciso a realizzare l'acquisto via Internet cliccando il touch screen del suo cellulare e pagando con una carta di credito (non avendone una propria) chiesta in prestito a un amico e collega.

E sono cominciati i guai per L.M., appuntato dei carabinieri in servizio nella stazione dell'Arma di Albignasego, finito nel registro degli indagati insieme ad altre 179 persone che, su un sito porno con sede a Cipro e dominio a Malta, compravano il medicinale destinato a rendere meno imbarazzanti (o forse più indimenticabili) le loro performance sessuali. L'inchiesta, coordinata dalla procura della Repubblica di Milano, è affidata alla polizia postale che a fine giugno incrocia l'internauta-carabiniere con la sua «borsa della spesa». Identificato, si scopre che è un militare risalendo la catena del suo numero di cellulare. E che pure è un militare (in servizio nella caserma di Piove di Sacco) l'intestatario della carta di credito.

Quest'ultimo viene convocato per primo dai carabinieri del Nas di Padova, incaricati di svolgere gli accertamenti su delega dei colleghi milanesi. E cade dalle nuvole: «Il collega mi aveva chiesto in prestito la carta di credito, che lui non possedeva, per fare un acquisto su Internet... Ma io non so nulla» risponde allibito. Poi è il turno a L.M. che, subito, ammette di aver fatto il super-acquisto di fronte a prove inoppugnabili. «Sì, ho comprate mille pasticche... - spiega - Non erano tutte per me... Il Viagra è anche per alcuni colleghi di Abano e di Piove... Sapete, siamo tutti molto stressati» si giustifica. L'acquisto online delle pillole blu si configura come una violazione della legge in materia farmaceutica.

Infatti il Viagra, il cui uso è stato autorizzato nel 1998 per trattare la disfunzione erettile e l'impotenza, può essere venduto in Italia solo dietro prescrizione del medico. E la legge italiana proibisce alle farmacie di vendere "a distanza" tutti i medicinali soggetti all'obbligo della ricetta. Qualche anno fa Pfizer aveva proposto di classificare il Viagra come "farmaco da banco" alla stregua di un antinfiammatorio, salvo poi ritirare l'istanza di fronte alle perplessità espresse dall'Agenzia europea del farmaco.

[ Leggi notizia ] ( 84 letture )   |  permalink  |    |   ( 3 / 2371 )

<<Prima <Indietro | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 | 30 | Altre notizie> Ultima>>


Assistenza


CHIAMACI ADESSO:

Customer Service

Lun-Sab 11:00-19:00 (CST)


novita, vienici a trovare sul nostro forum!