Viagra, al massimo dosaggio può far vedere blu 
Ma si tratta di casi isolati. E' accaduto a 17 pazienti alla prima assunzione del farmaco. Fra i sintomi, vista offuscata e un'intensa visione bluastra e incapacità di percepire il rosso e il verde


L VIAGRA, la pillola blu, di blu non ha soltanto il colore. Fra gli effetti indesiderati della pillola per la disfunzione erettile in rari casi ci sarebbero anche disturbi visivi persistenti, fra cui una visione blu intensa insieme all'incapacità di cogliere il rosso e il verde. Effetti che in certi casi potrebbero durare anche per qualche settimana, secondo l'autore di una ricerca, Cuneyt Karaarslan, che lavora all'ospedale oftalmico Dünyagöz Adana in Turchia. Per ora lo studio ha preso in considerazione un numero piuttosto ristretto di pazienti che si sono rivolti all'ospedale turco con vari disturbi visivi dopo aver assunto il Viagra nel massimo dosaggio. Per questo, anche se il farmaco può essere importante per il benessere psico-fisico, è bene assumerlo sempre sotto controllo medico e stare attenti a dosaggi alti, soprattutto alla prima assunzione. I risultati sono pubblicati su Frontiers in Neurology.

Il Viagra, breve storia

Ventidue anni fa il Viagra (il nome del principio è sildenafil, mentre Viagra è il nome commerciale più noto) sbarcava nelle farmacie italiane e, secondo gli ultimi dati disponibili della Società Italiana di Urologia, il nostro paese è il secondo in Europa per acquisto di questo farmaco. Inizialmente studiato per curare l'angina pectoris, la molecola mostrò alcuni effetti collaterali, fra cui uno molto comune era l'erezione del pene. Per questo nel 1998 fu approvato dalla Fda, l'ente statunitense che controlla farmaci e alimenti, per la disfunzione erettile.

Il farmaco è efficace e i suoi effetti durano dalle 3 alle 5 ore mentre gli effetti collaterali sono per lo più mal di testa, visione offuscata e alterazione della percezione dei colori (riportata nel bugiardino) lieve e transitoria, di solito massimo a due ore di distanza secondo quanto riferito dall'Ema, l'Agenzia europea per i medicinali.

La ricerca
I ricercatori hanno osservato però dei fenomeni insoliti in 17 pazienti che si erano recati presso l'ospedale oftalmico in Turchia, e sulla base dei dati hanno svolto un'indagine e pubblicato lo studio. Tutti e 17 avevano disturbi visivi, fra cui pupille dilatate, vista offuscata, sensibilità alla luce e visione blu intensa insieme all'incapacità di cogliere il rosso e il verde. Tutti i pazienti erano alla loro prima assunzione e avevano preso il sildenafil al dosaggio massimo di 100 mg. E non avevano una prescrizione medica, ma si trattava di un'auto-medicazione, mentre si raccomanda sempre l'uso sotto controllo medico (in Italia, inoltre, ma non in tutti i paesi, c'è l'obbligo di ricetta).

In questo caso in tutti e 17 i pazienti i disturbi sono spariti entro i 21 giorni dal primo sintomo, un periodo comunque più lungo rispetto agli effetti indesiderati comuni. E senza dubbio, spiega l'autore, nonostante i problemi siano poi passati, si è trattato di un'esperienza difficile per chi l'ha vissuta. La buona notizia, prosegue Karaarslan, è che reazioni così persistenti dovrebbero essere molto rare. In ogni caso è sempre bene consultare sempre il medico e potrebbe essere meglio non iniziare dal dosaggio più alto. E soprattutto chi ha un'aumentata sensibilità dovrebbe considerare di fare la prima assunzione sotto la supervisione medica. Sempre ricordando che questi farmaci, usati seguendo le regole, “forniscono un supporto sessuale e fisico molto importante”, sottolinea l'autore.

Attenzione agli occhi
Ma non è la prima volta che uno studio solleva problemi della vista persistenti associati al Viagra. Nel 2014, infatti, uno studio su topi aveva mostrato che l'assuzione di sidenafil potrebbe non far bene agli animali con un carattere legato alla malattia rara ed ereditaria chiamata retinite pigmentosa (un “portatore” della malattia genetica ma senza sintomi). Questi animali mostrarono problemi alla vista per due settimane, nonché la perdita di alcune cellule della retina – un possibile inizio di un processo degenerativo. Tuttavia, nei topi senza questo carattere genetico, i sintomi duravano per due giorni. Per questo lo studio suggeriva che uomini con questa particolare condizione genetica dovrebbero evitare il Viagra.

[ Leggi notizia ]   |  permalink  |    |   ( 2.9 / 36 )
Iniezione di Viagra per fare bella figura con il partner, ora rischia un'erezione permanente 
Ricoverato in ospedale per due settimane con un'erezione permanente. Danny Polaris, che vive a Kreuzberg, a Berlino, ha ammesso di aver preso il Viagra per fare una bella impressione con un ragazzo con il quale si stava frequentando. La sera dell'appuntamento ha chiesto a un amico di fargli un'iniezione sul suo pene, ma da allora l'erezione non è più andata via.



A Danny è stato diagnosticato un priapismo, una malattia che nel lungo termine potrebbe avere conseguenze permanenti sui suoi genitali. L'uomo ha ammesso di aver anche pianto per il dolore causato da questa erezione prolungata, viene curato e monitorato dai medici, le sue condizioni migliorano, ma ancora non è possibile stabilire se ci siano stati danni e di quale entità.

Il giovane, come riporta Metro, ha scelto di parlare della sua storia per sensibilizzare i ragazzi in tema. Una leggerezza potrebbe avere conseguenze irreversibili nella sua vita e non vuole che altre persone commettano una simile sciocchezza.

[ Leggi notizia ]   |  permalink  |    |   ( 3.1 / 35 )
Viagra e Cialis acquistato su internet: ecco cosa contiene davvero 
Che acquistare farmaci da negozi poco controllati su internet sia un rischio è cosa abbastanza nota. Ma non sembra bastare a scoraggiare i consumatori, specie quelli che ricorrono al web per procurarsi Viagra, Cialis e altri farmaci per la disfunzione erettile. Sono proprio questi i protagonisti di gran parte del mercato. E allora può essere utile sapere che all’interno della famosa pasticca blu, quando arriva a casa in un rassicurante e anonimo pacchettino acquistato on line, ci può essere di tutto. Una vera e propria roulette russa. Da una pillola che contiene solo un ottavo del principio attivo dichiarato, a una che lo sostituisce con il paracetamolo. In tutt’e due i casi – a parte il fatto che non funzionerà – poco male. Molto peggio va a chi si ritrova a ingurgitare una pasticca che ha diverse volte in più del principio attivo e può mettere a rischio seriamente la salute.


È quanto segnala Swissmedic che ha analizzato nel suo laboratorio i prodotti confiscati in Svizzera e ha reso noti i risultati. Quasi la metà dei campioni testati era di scarsa qualità, non conteneva quanto dichiarato sulle confezioni e la maggior parte dei preparati non era stata dosata correttamente. Uno dei prodotti conteneva solo un ottavo della quantità di ingrediente attivo dichiarata, mentre un altro conteneva due volte e mezzo la dose indicata. Sei campioni analizzati per una preparazione con il suffisso “Super Active” erano tutti fortemente sottodosati. Sette prodotti contenevano il principio attivo sbagliato (altri inibitori della PDE5 usati per trattare la disfunzione erettile) e una formulazione era contaminata da altre sostanze come il paracetamolo.

A spaventare il fatto che più di un prodotto su dieci contenesse un sovradosaggio del principio attivo rispetto a quanto dichiarato, in un caso una compressa conteneva anche 80 mg di principio attivo, quattro volte la dose massima giornaliera o sedici volte la quantità raccomandata per la somministrazione giornaliera a basso dosaggio.

Queste overdose sono particolarmente preoccupanti perché il corpo umano degrada questo ingrediente attivo lentamente. Dosaggi più alti, poi, non sono più efficaci, semplicemente aumentano i rischi di effetti collaterali indesiderati (come il calo della pressione sanguigna o reazioni di ipersensibilità). E soprattutto nelle persone che hanno fattori di rischio, possono essere causa di incidenti molto gravi, con disturbi della frequenza cardiaca e persino infarto del miocardio.



[ Leggi notizia ] ( 9 letture )   |  permalink  |    |   ( 2.9 / 65 )
In Slovenia per comprare a buon prezzo Viagra e sonniferi 
Inchiesta - Quel che scarseggia o manca sugli scaffali tricolori, spesso si trova nei punti vendita sloveni



"Mal comune, mezzo gaudio”, come dice il vecchio adagio. O forse no, visto che il problema della carenza di medicinali accomuna le farmacie italiana e quelle slovene? È cosa piuttosto usuale incrociare qualche cliente italiano nelle 'lekarne', le farmacie d’oltreconfine, specie tra quelle più vicine. Un po’ come accade, e non certo da oggi, per i distributori di benzina, per le panetterie o le macellerie. Se però nel caso del carburante, dei tabacchi o dei generi alimentari il passaggio oltre frontiera è dettato da questioni di convenienza, per quel che riguarda i medicinali talvolta si tratta di una scelta obbligata.

Quel che scarseggia o manca sugli scaffali tricolori, spesso si trova nei punti vendita sloveni. E viceversa, dato che il fenomeno della carenza di medicinali affligge anche le farmacie slovene. “Sappiamo che in Italia spesso mancano alcune tipologie di farmaci – conferma una cortese farmacista che lavora in una lekarna di Nova Gorica -, ma lo stesso accade anche qui in Slovenia. Vi sono alcuni medicinali che scarseggiano, perché non sono adeguatamente riforniti. Quali in particolare? Difficile stilare un elenco preciso: diciamo che il discorso vale un po’ per tutte le tipologie, e più che altro sono quelle prodotte da specifiche aziende che scarseggiano”.

Una sorta di scelta di mercato, insomma.
Quando un cliente sloveno non trova nella sua farmacia un determinato medicinale, succede che gli stessi farmacisti consiglino di provare a servirsi in Italia (a Gorizia in questo caso). “Allo stesso modo c’è chi fa il percorso inverso – spiega ancora la farmacista slovena -, e dall’Italia viene da noi per medicine ormonali, per curare l’artrite o per prodotti biologici. Nel complesso,il numero di vostri connazionali non è poi così elevato: su cento ricette, direi che cinque o poco più in media sono di clienti italiani”. C’è però anche un altro aspetto da considerare, quello della convenienza. In Slovenia molti medicinali (tra i quali il Viagra generico, gli ansiolitici, i sonniferi o determinate tipologie di collirio, ma anche integratori e prodotti di origine naturale) hanno un prezzo sensibilmente più basso, con un risparmio stimabile a volte oltre il 30%. “In parte è vero – precisano a Nova Gorica -, ma anche in questo caso bisogna dire che vi sono pure medicinali che costano un po’ meno in Italia”. Insomma, affidandoci sempre ad un modo di dire: la farmacia, pardòn, l’erba del vicino non sempre è più verde”.

[ Leggi notizia ] ( 10 letture )   |  permalink  |    |   ( 3.1 / 103 )
Non solo Viagra: i rimedi non farmacologici all’eiaculazione precoce 
In una società moderna, caratterizzata da una vita frenetica e da un abbattimento delle barriere sociali con l'apertura a forme di libertà sessuali che permettono di esprimere le personalità dei singoli individui, si continuano a evidenziare un aumento esponenziale delle problematiche riguardanti la sfera sessuale. In particolare, l'eiaculazione precoce può essere annoverata tra le disfunzioni che colpiscono la popolazione mondiale maschile. Si calcola che solo in Italia gli uomini ad avere avuto un problema di eiaculazione precoce sono tra il 25% e il 40%, quasi un individuo su tre. L'eiaculazione precoce si attesta tra le prime problematiche che riguardano l’ambito sessuale, con una percentuale pari al 27,3%. Le stime, per alcuni studiosi, sono al di sotto della reale diffusione di questa disfunzione, dato che la percentuale dovrebbe superare il 30%.



Cos'è l'eiaculazione precoce, cause e diagnosi

Il termine eiaculazione precoce indica una problematica che riguarda il mondo dell'orgasmo maschile che avviene in maniera non controllata e quindi precoce, in seguito a stimolazione sessuale minima, prima del coito o subito dopo la penetrazione. Al centro del problema dell'eiaculazione precoce vi è, quindi, la mancata capacità di controllo di questo atto da parte dell’uomo.

Definire l'eiaculazione precoce non è semplice, dato che i parametri da considerare sono diversi. Per alcuni studiosi si avrà l'eiaculazione precoce se l'orgasmo maschile avviene prima della soddisfazione della donna. Per altri, invece, si considera l'incapacità dell'uomo a identificare il momento di emissione che precede la fase vera e propria dell'eiaculazione. Per altri, si fa riferimento alla tempistica della penetrazione, dividendo la disfunzione in base ai secondi.

Altro dato che emerge e che mette d'accordo alcuni psicologi e medici che studiano l'eiaculazione precoce, è quello dell'emissione del liquido dopo solo 5-10 spinte coitali dal momento in cui vi è la penetrazione del pene in vagina. Ma, anche in questo caso, il parametro è relativo, date le diverse forme di penetrazione che sono possibili nella sessualità moderna.

La diagnosi di questo disturbo è, quindi, alquanto complessa, dato che spesso viene effettuata in modo autonomo, e inoltre secondo degli schemi temporali o di prestazioni che non sono applicabili nel mondo della sessualità maschile e femminile.

Inoltre, le forme di eiaculazione sono diversificate in base al loro manifestarsi: si parlerà di eiaculazione primaria quando si presenta già dal primo rapporto sessuale e peggiora nel tempo; secondaria quando si determina solo in una fase successiva e in conseguenza a una serie di cambiamenti; infine, si considera quella situazionale quando si determina solo in alcuni momenti specifici e con alcune donne.

Ciò che è importante considerare sono le conseguenze che l'eiaculazione precoce determina sulla psiche dell'uomo e sulla relazione di coppia, rendendo l'atto sessuale non un piacere ma un fattore d'ansia. L’argomento è trattato ampiamente nel libro Comanda La Tua Eiaculazione di Alessandro Rotello, una raccolta di consigli pratici su uno specifico allenamento del corpo alla risoluzione del problema eiaculatorio.

Quali sono le cause dell'eiaculazione precoce

L'eiaculazione non è una malattia, ma una disfunzione e, come tale, può essere curata. Intervenire, quindi, è possibile solo se si considerano quelle che sono le cause che possono esserci dietro al verificarsi di questa problematica. Oggi è accertato che le componenti che portano all'eiaculazione precoce possono essere organiche e psicologiche.

•Cause organiche: si considera l'insieme di quelle problematiche che sono strettamente collegate all'ambito fisico del pene, come infiammazioni dell'apparato genitale, frenulo breve, fimosi e deficit erettile.

•Cause psicologiche: il legame con la psiche è una realtà che influenza in maniera sostanziale il verificarsi dell'eiaculazione precoce. Disagio psichico, problematiche di coppia, cattiva gestione dell'ansia, vita con ritmi stressanti, sono tra i fattori principali del presentarsi della disfunzione. Inoltre, si devono considerare anche aspetti culturali ed emotivi, legati a uno scorretto approccio alla sessualità, al timore di essere scoperti nel caso della masturbazione, pulsioni ambivalenti verso la donna, mancata conoscenza del proprio corpo e forme di competizione con l'altro sesso.

Il problema della vendita di farmaci non controllati on-line e le controindicazioni

L'eiaculazione precoce, come le altre forme di disfunzioni riguardanti l'apparato maschile, sono ancora oggi connesse a una cultura tendente a nascondere la problematica senza rivolgersi in maniera repentina a un medico. Quando alla fine ciò avviene, dato che la problematica persiste, spesso si è provato a curarsi in maniera autonoma e con tentativi che possono essere dannosi per la salute a causa dell'impiego di farmaci non autorizzati.

La diffusione di medicinali on-line è un problema allarmante, date le cifre ormai raggiunte anche in Italia per mezzo del Web. Si stima che, solo negli ultimi quattro anni, siano 2,4 milioni le confezioni di farmaci sequestrate e la percentuale di quelli utilizzati per guarire le problematiche sessuali raggiunge quasi un terzo delle vendite.

I farmaci come il Viagra o quelli che riproducono il suo principio attivo, prevedono una serie di controindicazioni per il loro utilizzo. Infatti, non devono essere utilizzati da persone che sono allergiche al principio attivo del sidenafil, elemento chimico alla base della pillola blu, che ha la funzione di rilassare i vasi sanguigni permettendo l'erezione. Inoltre, soggetti che hanno problemi cardiaci, al fegato o soffrono di pressione bassa sono a rischio di assunzione.

L'acquisto di farmaci per l'attività sessuale on-line dovrebbe essere effettuato attraverso ricetta del medico e solo dopo una visita specialistica, sui siti di farmacie on-line autorizzati. In questo modo ci si potrà tutelare non solo dai falsi, e quindi rischiare di spendere il proprio denaro in prodotti truffa, ma anche avere la sicurezza sulla composizione del medicinale.

I rimedi all'eiaculazione precoce: le terapie non farmacologiche

Curare l'eiaculazione precoce è qualcosa che può essere fatto accettando la presenza di un problema e rivolgendosi a un medico specialista, come uno psicologo e un sessuologo. Le terapie non farmacologiche prevedono, quindi, un'indagine approfondita di quelle che possono essere le cause psicologiche strettamente connesse con la problematica. Le terapie comportamentali hanno, quindi, la funzione di intervenire riducendo lo stato di difficoltà e di ansia che si genera nel non riuscire a vivere in modo positivo un rapporto sessuale.

L'azione comportamentale implica un aiuto a comprendere nel miglior modo il proprio corpo, controllando lo stimolo eiaculatorio. Ciò viene effettuato attraverso una serie di tecniche o di esercizi fisici che permettono di far acquisire sicurezza e far rilassare il soggetto.

Di seguito elenchiamo quelle più utilizzate e che producono effetti positivi:

• La tecnica dello squeeze: è stata inventata da due sessuologi statunitensi la quale prevede una serie di compressioni che vengono effettuate sul glande nella fase di erezione. Il sessuologo insegna quindi ad avere un controllo sull'eiaculazione in modo da aumentare la capacità di percepire il momento dell'orgasmo. È una tecnica da effettuare in coppia e in particolare con un partner fisso.

• La tecnica dello stop and start: prevede una serie di interruzioni nel momento di massima eccitazione, in modo da insegnare all'uomo a percepire il momento dell'eiaculazione e, in questo modo, rilassare l'ansia mentale che può causare la disfunzione. L'apprendimento di questa tecnica avviene attraverso una serie di fasi con la collaborazione attiva del partner, passando dalle manipolazioni alla penetrazione, fino alle posizioni più eccitanti.

• La tecnica della compressione: unica tecnica che può essere effettuata nelle fasi di autoerotismo o durante il rapporto sessuale con il partner, prevede la compressione con la mano della zona al di sotto del glande prima dello stimolo finale eiaculatorio. Ciò permette all'uomo di imparare a controllare questo momento.

• Gli esercizi di Kegel: questi esercizi prendono il nome dal loro inventore e hanno la finalità di rafforzare il muscolo pubococcigeo, considerato importantissimo per l'eiaculazione. Inoltre l'uomo apprende a conoscere in maniera profonda il proprio corpo e la propria sessualità.




[ Leggi notizia ] ( 5 letture )   |  permalink  |    |   ( 2.9 / 124 )

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | Altre notizie> Ultima>>


Assistenza


CHIAMACI ADESSO:

Customer Service

Lun-Sab 11:00-19:00 (CST)


novita, vienici a trovare sul nostro forum!