Sembrava un farmaco anti-Covid, era Viagra cinese 
Maxi sequestro di medicinali spacciati per miracolosi, in realtà erano una truffa, in manette due cinesi

Sembrava un farmaco anti-covid, invece era una sorta di Viagra, un intruglio cinese pericoloso per la salute. Stesso principio attivo, stessi effetti. Truffa pura, spacciato per farmaco miracoloso. Il nucleo di polizia economico finanziaria della Gdf ha sequestrato, oltre 12mila di questi farmaci illegali, in particolare compresse, messi in vendita come "anti-Covid" e 500mila integratori alimentari pericolosi per la salute trovati nei locali di due esercizi commerciali gestiti da società cinesi, i cui titolari non avevano titoli idonei per il commercio. Le analisi di laboratorio, spiega la Gdf, "condotte dall’università degli Studi di Milano - Dipartimento di Chimica su campioni del materiale in sequestro hanno, infatti, rivelato una composizione differente rispetto a quanto dichiarato sul confezionamento, oltre che per la presenza di metalli pesanti, anche per il rinvenimento di sostanze potenzialmente nocive per la salute dei consumatori".

Tra i farmaci sequestrati, che una volta immessi in commercio avrebbero generato un "volume d’affari di oltre un milione di euro", sono state individuate anche "numerose compresse di Kamagra (generico del Viagra)". È scattata la denuncia per due cittadini cinesi per i reati "di abuso della professione di farmacista, commercio e somministrazione di medicinali guasti e imperfetti e frode in commercio". L’attività investigativa è risultata particolarmente complessa per la difficoltà di ricostruire la provenienza dei prodotti che, una volta entrati nel territorio nazionale, venivano immediatamente frazionati e messi in vendita in numerosi esercizi commerciali compiacenti.

Complessivamente, l’operazione rientra nell’azione di rafforzamento del dispositivo permanente di contrasto ai traffici illeciti legati all’emergenza epidemica in corso, del Comando Provinciale ed ha lo scopo di tutelare i consumatori e gli operatori economici onesti che agiscono lealmente e nel rispetto delle regole, importando merci dalle caratteristiche qualitative certe e rispondenti alle normative nazionali e comunitarie dettate a tutela della salute pubblica.

Le Fiamme Gialle hanno eseguito, nell’arco dell’ultimo mese, specifici servizi di controllo finalizzati alla ricerca di canali di importazione clandestina e approvvigionamento illegale di farmaci destinati per la cura del Covid-19, arrivando a sequestrare 121mila medicinali di origine straniera, principalmente cinesi, privi di autorizzazione e di valutazione sulla validità terapeutica e sull’assenza di effetti collaterali. Anche gli accertamenti dei Nas, in campo hanno portato negli ultimi mesi ad una prima fase di interventi con l’individuazione di 107 mila prodotti illegali presso associazioni culturali e supermarket etnici e hanno continuato a monitorare la possibile sussistenza di altri canali di distribuzione sommersi.


[ Leggi notizia ] ( 1 lettura )   |  permalink  |    |   ( 3 / 20 )
Problemi sessuali femminili: guida al viagra rosa 
La vostra sessualità sta cambiando e non è più come prima? Scopriamo insieme quali sono i problemi sessuali femminili e la guida al viagra rosa.
I problemi sessuali femminili possono andare a compromettere la sfera intima, quella personale e della coppia. La sessualità problematica viene spesso vissuta dalla donna con emozioni importanti e negative (es: rabbia, vergogna, frustrazione ecc…). La maggior parte di queste sensazioni si vanno a esprimere anche a livello fisico, andando a ostacolare o impedire il rapporto sessuale completo.

In questo modo, la stabilità della coppia può essere minata e si può avvertire conflitto, delusione, tensione e distanza emotiva.

Problemi sessuali femminili
I problemi o disfunzioni sessuali femminili (DSF) vanno a comprendere un insieme di disturbi di origine multidimensionale e multifattoriale, che possono comportare l’insorgenza di un disagio profondo e un impatto assolutamente negativo sulla vita della persona. Possiamo affermare che il 45% della popolazione di sesso femminile presenta diversi disturbi DSF.

Le disfunzioni sessuali femminili (DSF) vengono classificate in:

• Disturbo del desiderio ipoattivo (DDSI).
• Disordini durante la fase di eccitamento.
• Disordini durante la fase orgasmica.
• Dolore sessuale (es: vaginismo, dispareunia, dolore che non si può associare ai rapporti coitali).
Problemi sessuali femminili: cause
A questo punto, non ci resta che analizzarli nello specifico e scoprirne le cause.

DISTURBO DEL DESIDERIO SESSUALE IPOATTIVO (DDSI): intendiamo l’assenza o la riduzione del desiderio sessuale di tutte quelle fantasie erotiche.

Il DDSI si associa, poi, alla riduzione della motivazione sessuale e alla perdita di risposta ai vari stimoli erotici, provocando una sensazione molto profonda di disagio inter-personale. Il DDSI può essere causato dai fattori biologici (es: squilibri ormonali, menopausa, ipotiroidismo, depressione ecc…); oppure dai fattori psicologici (es: ansia, immagine personale, cattivo umore ecc… Dopo la diagnosi si può agire con una terapia che si basa sull’uso di farmaci per il ripristino delle basi neurochimiche ed endocrine della libido.

DISPAREUNIA: è il ricorrente o persistente dolore genitale durante tutti i tentativi di penetrazione, oppure durante la penetrazione completa vaginale nell’atto sessuale. La dispareunia si suddivide in introitale/superficiale, medio vaginale o profonda. Nella forma introitale/superficiale e medio/vaginale dipende dai fattori biologici (es: infezioni batteriche, Candidosi cronica, vaginiti, Papillomavirus ecc…). Altre cause possono essere ormonali, distrofie vulvo-vaginali, cause muscolari, immunitarie, anatomiche, vascolari e connettivali. Nella forma profonda, invece, le cause più comuni sono l’endometriosi, la sindrome da intrappolamento dei nervi cutanei addominali e la malattia infiammatoria pelvica. La terapia studia l’anamnesi medica e sessuale della paziente prevede un approccio multidisciplinare.

ANORGASMIA: parliamo della difficoltà ricorrente o persistente di raggiungere l’orgasmo, nonostante l’eccitazione e uno stimolo sessuale adeguato. L’anorgasmia può essere primitiva (la donna non ha mai avuto orgasmi, secondaria (la donna perde la capacità di raggiungere l’orgasmo) o causale (la donna non raggiunge l’orgasmo in determinate situazioni). Tra le cause più comuni possiamo trovare il deficit di estrogeni e/o androgeni, l’assunzione di alcool e droghe, la depressione e l’ansia.
Problemi sessuali femminili: il viagra rosa naturale
Per superare i problemi sessuali femminili il prodotto migliore per le per donne è Femmax, un integratore alimentare composto di ingredienti naturali e sani, che è in grado di risvegliare la sessualità femminile e che permette un maggior appagamento durante l’atto sessuale. In questo senso, consente di vivere in modo migliore i rapporti di coppia, riattivando la sensibilità femminile durante l’atto e aumentando il suo desiderio sessuale, rivelando un ottimo viagra naturale femminile.

L’azione di questo integratore consente notevoli benefici:

• Aumentare la libido: consente di liberare la passione e il desiderio repressi nella donna.
• Eliminare le difficoltà nel raggiungere l’orgasmo, rimuovendo qualsiasi ostacolo o freno all’esplosione della propria sessualità, consentendo rapporti più appaganti.
• Aumentare la sensibilità alle stimolazioni delle zone erogene, in modo da rendere i rapporti sessuali più intensi e, allo stesso tempo, stimolare nuova passione e desiderio nella donna.
E’ considerato ufficialmente come il viagra rosa naturale. Per chi volesse saperne di più, può cliccare qui o sulla seguente immagine

Gli ingredienti di Femmax, interamente naturali, sono:

CAFFEINA: aumenta la velocità di assorbimento del prodotto e permette di aumentare l’attrazione verso il partner.

ESTRATTO DI LAMPONE: attiva i flussi sanguigni dell’organo riproduttore.

FIBREGAM: è una fibra alimentare che si ricava dalla gomma di acacia.

GINSENG: ha un effetto stimolante e tonico sull’energia femminile ed è utile per eliminare in modo completo i problemi di libido sessuale.

Femmax è un prodotto esclusivo. Per questa ragione, non è disponibile presso negozi fisici, come supermercati o parafarmacie, o siti di e-commerce online. L’unico modo per ottenere il prodotto originale è collegandosi al sito ufficiale della casa di produzione. Per completare l’acquisto, è sufficiente compilare il modulo con i propri dati ed attendere la conferma dell’ordine. Il prodotto sarà consegnato in un pacco anonimo entro alcuni giorni lavorativi. Una confezione, corrispondente ad un mese di trattamento, si trova in vendita a 39 €, con spedizione gratuita. È possibile pagare sia con carta di credito o Paypal, sia tramite contrassegno, ossia in contanti al corriere al momento della consegna.


[ Leggi notizia ] ( 104 letture )   |  permalink  |    |   ( 2.9 / 43 )
Falso Viagra venduto come integratore alimentare, l'allarme del ministero della Salute 
Venduti come integratori per aggirare i controlli di sicurezza e le norme degli enti regolatori, i preparati contenevano Il Sidenafil, lo stesso principio attivo del farmaco

ll Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, ha segnalato, attraverso il sistema di allerta europeo per alimenti e mangimi - RASFF, la presenza di Sildenafil, sostanza ad attività farmacologica non consentita negli integratori alimentari, nei due prodotti in elenco, venduti anche in internet. L'allerta è stata contestualmente pubblicata anche nella sezione "Avvisi di sicurezza" del sito del ministero della Salute.

Che cos'è e come funziona il RAASF
Il Raasf è il sisistema rapido di allerta comunitario, sotto forma di rete, a cui partecipano la Commissione Europea, l'EFSA e gli Stati membri dell'Unione e serve a notificare in tempo reale i rischi diretti o indiretti per la salute pubblica connessi al consumo di alimenti o mangimi.

Il nome degli integratori non autorizzati
Si tratta degli integratori FORZAPIU formula extra forte lotto 779296438 TMC 03/2022 confezione da 4 capsule e POTENZA MAX ginseng complex lotto 4589136 TMC 10/2022 confezione da 4 capsule.

I due integratori risultano prodotti in Regno Unito dalla ditta Unlimited OA OA LTD, international house: 24 Holborn Viaduct, Londra EC 1A 2BN, e venduti dal brocker spagnolo Green Box supplements, L. Carlos Cano 9961, 29010 Malaga.

Il fiorente business online dei falsi integratori
Nei giorni scorsi, il Nas di Parma, nell'ambito di una vasta operazione di polizia rivolta alla repressione del commercio di farmaci contraffatti in Italia, Spagna, Francia, Gran Bretagna, Olanda, Romania, Germania e Florida, svolta con il coordinamento di Europol, in cooperazione con la Policia Nacional spagnola e con la collaborazione del Reparto Operativo del Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, ha eseguito 5 perquisizioni nelle province di Piacenza, Rieti, Torino, Rovigo e Milano presso note società di logistica e commercio on-line, all'esito delle quali sono state rinvenute e sequestrate circa 10.000 capsule di falsi integratori alimentari (in realtà farmaci contraffatti), per un valore di 65 mila euro.

Nel corso delle indagini, dirette dalle Procure della Repubblica di Piacenza e Milano, sono stati effettuati accertamenti analitici sui falsi integratori a cura del laboratorio di analisi dall'Agenzia Provinciale per l'Ambiente di Bolzano, i quali hanno evidenziato la presenza, al loro interno, del principio farmacologicamente attivo denominato "Sildenafil" (sostanza contenuta nel farmaco commercializzato con il nome "Viagra").

Il modus operandi dell'associazione criminale, con sede operativa in Spagna e sede legale in Inghilterra, si basava sulla commercializzazione dei prodotti in questione - importati dalla Cina - sotto forma di integratori alimentari di origine naturale, benché contenenti principi farmacologici di sintesi. Tale procedura gli consentiva di aggirare le stringenti normative farmaceutiche vigenti in ogni Stato, nonché la vigilanza degli enti demandati alla verifica ed al rilascio dell'autorizzazione per l'immissione in commercio dei farmaci (AIFA, EMA, etc..).

Per garantirsi una commercializzazione costante anche a fronte di possibili sequestri l'associazione criminale confezionava e distribuiva i farmaci contraffatti mediante l'utilizzo di confezioni con denominazioni differenti in ogni Stato, modificando le stesse periodicamente anche all'interno dei medesimi mercati.

I siti internet attraverso i quali i falsi integratori venivano proposti per la vendita in Italia sono stati oscurati dal Reparto Operativo del Comando Carabinieri per la Tutela della Salute.

Alcuni dei principali indagati che operavano nel nostro Paese per l'importazione e la vendita degli integratori, sono stati anche colpiti da misure restrittive in Spagna, luogo in cui la società britannica aveva allocato il proprio "core business".



[ Leggi notizia ] ( 25 letture )   |  permalink  |    |   ( 3 / 30 )
Viagra: un nuovo farmaco sostituisce la pillolina blu 
Ma che ci fanno le donne agli uomini italiani, per renderli così insicuri? Secondo un’indagine di Doxa Pharma sulla “mentina dell’amore” (nuovo farmaco a base di vardenafil contro l’impotenza), è loro il record del consumo. Dopo i nostri connazionali, compaiono gli spagnoli e i tedeschi. Ecco che cos’è, dove trovarla e come funziona.

’indagine suggerisce che il 30% degli uomini italiani vive con ansia le prestazioni sessuali e il 25% si sente insicuro di fronte a donne molto esigenti. In effetti, un’italiana su cinque è poco soddisfatta della sua vita sessuale, e poco più della metà ha rapporti almeno una volta la settimana.

“Oggi il maschio vive il rapporto in un clima di maggior soggezione sessuale nei confronti della donna”, ha spiegato Furio Pirozzi Farina, Presidente della Società Italiana di Andrologia (SIA http://www.andrologiaitaliana.it/). “Una situazione che lo porta a essere meno soddisfatto della sua vita sessuale.
Cresce quindi in parallelo il bisogno di ritrovare sicurezza e fiducia in se stesso e deve poter contare, in caso di necessità, su validi strumenti per affrontare e risolvere i problemi della sessualità”.

[ Leggi notizia ] ( 49 letture )   |  permalink  |    |   ( 3 / 64 )
Il vaccino è meglio del Viagra Pfizer brinda: incasso da 15 miliardi 
Il colosso Usa chiuderà il 2021 con oltre 60 miliardi di ricavi. "Il siero è uno dei più grandi successi della storia"

Quindici miliardi di dollari di ricavi attesi per il 2021: e siamo solo alle previsioni di inizio anno. Il vaccino anti Coronavirus mette il turbo ai conti del colosso americano del farmaco Pfizer, ma anche alla start up tedesca BioNTech della coppia di origini turche Ugur Sahin e Özlem Türeci, i due scienziati che già un anno fa hanno avviato le ricerche sull’anti Covid, non appena cominciò a diffondersi dalla Cina la notizia del nuovo virus. Si conferma e, anzi, si moltiplica la capacità di ricerca e di innovazione, ma anche di competitività commerciale del gruppo Usa, che nel corso dei decenni passati ha messo a segno più di un colpo sul mercato di Big Pharma. Fanno riferimento a Pfizer farmaci di larghissimo consumo, diventati quasi iconici nel loro genere, come lo Xanax e il Tavor. Ma, in tempi relativamente più recenti, è stato clamoroso (anche sul piano del costume) il successo del Viagra.

Sebbene si siano moltiplicati i prodotti analoghi e siano anche scaduti i brevetti e i diritti in molti Paesi, la pillola blu ha portato nelle casse della casa statunitense 26,5 miliardi di dollari in quindici anni, dal 2003 al 2017. Il vaccino anti Covid, però, è destinato a battere tutti i record commerciali e economici sia come volumi, sia come tempi e fatturati attesi. E così se per il quarto trimestre 2020 Pfizer ha riportato utili di 42 centesimi ad azione, al di sotto dei 50 centesimi attesi dal consensus, con un fatturato pari a 11,7 miliardi, un po’ sopra le attese fissate a quota 11,5 miliardi, con tanto di titolo in calo a Wall Street), la vera notizia-bomba è arrivata ieri. Il gruppo farmaceutico ha fatto sapere al mercato di attendersi che le vendite del vaccino anti-pandemia produrranno entrate per 15 miliardi di dollari nel corso del 2021 mentre le attese del consensus degli analisti erano ferme a 12,7. Stiamo parlando di un quarto di tutti i ricavi annuali del gruppo farmaceutico. L’effetto dei nuovi numeri previsionali è stato quello di far alzare le stime sugli utili per il 2021 nella forbice compresa tra 3,10 e 3,20 dollari ad azione contro la precedente forbice di 3-3,10. Mentre gli analisti di Wall Street si attendevano utili di 3,07 dollari nel 2021. Il margine netto di guadagno è stimato al 25-30% sul vaccino: circa 4 miliardi di dollari. Dietro gli incassi e gli utili attesi, le vendite. L’azienda americana punta a consegnare due miliardi di dosi di vaccino nel 2021. I più rilevanti contratti firmati finora prevedono un prezzo medio di 19 dollari per dose. Il vaccino Moderna costa circa 25 dollari a dose e quello di AstraZeneca 3-4 dollari mentre quello di Johnson&Johnson (non ancora autorizzato) costerà 10 dollari ma ne servirà una sola dose.

Il vaccino Pfizer, però, è prodotto insieme con la tedesca BioNTech e, dunque, i relativi utili andranno divisi a metà tra i due gruppi. E proprio dallo stato maggiore della casa di Magonza è arrivata la notizia dell’impegno a aumentare la sua capacità di produzione di oltre il 50% nel 2021, rispetto a quanto finora pianificato, raggiungendo 2 miliardi di dosi. Finora l’impresa aveva in programma 1,3 miliardi di dosi. Ma, hanno fatto sapere 48 ore fa, "siamo sulla buona strada per ampliare le capacità di produzione".

[ Leggi notizia ] ( 58 letture )   |  permalink  |    |   ( 3 / 88 )

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | Altre notizie> Ultima>>


Assistenza


CHIAMACI ADESSO:

Customer Service

Lun-Sab 11:00-19:00 (CST)


novita, vienici a trovare sul nostro forum!